Tu sei qui

2 contenuti / 0 new
Ultimo contenuto
Anna Maria13
Dentalscan e tiroide

Buongiorno a tutti,
sono un giovane medico di 26 anni (da poco laureata), scrivo qui in quanto avrei bisogno di un confronto su una problematica inerente un problema tiroideo di recente riscontro e capire se può esserci una correlazione con un esame diagnostico tc effettuato tre anni fa. Ad un'eco di controllo della tiroide effettuata pochi giorni fa, mi è stato riscontrato un nodulo ipoecogeno di 5mm, a margini regolari e con vascolarizzazione solo perinodulare, per il momento da tenere solo sotto controllo in quanto molto piccolo. Ad ogni modo sono preoccupata in quanto 3 anni fa, quindi all'età di 23 anni, mi sono sottoposta sotto prescrizione del dentista, ad una dentalscan pre intervento di estrazione dei denti del giudizio inclusi. All'epoca sono andata a farla con leggerezza, senza farmi troppe domande sul tipo di esame, chiesi solo la protezione piombata per la tiroide durante l'esame ma mi fu negata dicendo che sarebbe stato poi difficile visualizzare bene l'area in esame. Effettuai l'esame distesa su un lettino, la tac era aperta, nessuna protezione nemmeno per le ovaie, niente di niente. In passato avevo effettuato una o due panoramiche da piccola sempre per necessità odontoiatriche, una rx della colonna vertebrale per la scoliosi a 16 anni e infine un'rx torace un anno fa per una febbricola strana (poi alla fine attribuita allo stress). Quello che vorrei capire è: è possibile che questo nodulo tiroideo sia correlato alle radiazioni assorbite e in particolare a quella dentalscan? Vorrei fare subito un agoaspirato per togliermi il pensiero ma le linee guida prevedono questo solo per dimensioni del nodulo maggiori di 1 cm. Mi sento nervosa al pensiero che probabilmente essendo il problema degli ottavi del giudizio principalmente correlato ad un probabile futuro danno estetico non essendoci lo spazio per la loro eruzione, avrei forse potuto evitare la tc e di estrarli se di contro c'era il rischio di esporsi ad una tale dose di radiazioni e quindi ad problema tiroideo magari grave e radioindotto.
Quali sono le probabilità che questo nodulo sia stato provocato dalle radiazioni? Il dentista ha peccato di superficialità facendomi fare la dentalscan invece della cone bean che invece espone ad una dose di radiazioni notevolmente più bassa? E' legale negare le protezioni piombate nonostante siano richieste del paziente? (Onestamente ad oggi non credo che proteggendo la tiroide si vada a coprire l'area interessata da una dentalscan).
Grazie a chi risponderà.

PaolaBregant
Alla luce dei  progressi

Alla luce dei  progressi tecnologici e delle evidenze scientifiche non è raccomandato l’impiego abituale delle protezioni anti-X sui pazienti. 

E’ stato corretto sia  non utilizzare la protezione per la tiroide, che rischia davvero di mascherare l'area di interesse sia non schermare le ovaie, perché del tutto inutile.

La possibilità poi che le indagini radiologiche a cui è stata sottoposta possano produrre un danno radioindotto è davvero insignificante.

Posso solo suggerirle di attenersi alle linee guida e di non preoccuparsi inutilmente.