Notifiche
Cancella tutti

Radiografia in allattamento

Romina
(@romina)
Membro

Buongiorno sono una collega anestesista mi sto scontrando con altre persone su questo tema nonostante abbia fornito diversa documentazione sul fatto che non vi è alcuna controindicazione ad eseguire radiografie in allattamento per il lattante, una collega radiologa sostiene si debba interrompere l’allattamento per 6 ore una mamma laureata in fisica sostiene che conosce gli effetti delle radiostazioni ionizzanti. Vorrei avere una documentazione che attesta eventuali effetti di radiazioni da radiografia sul latte materno eventualmente dannosi per il lattante grazie

Citazione
Topic starter Pubblicato : 16 Luglio 2019 11:59
fisicimedici
(@fisicimedici)
Membro Amministratore Forum

Gent.ma Dottoressa,

abbiamo letto con molta attenzione il Suo quesito e ci sentiamo nelle condizioni di tranquillizzarLa: l’allattamento non pone nessun vincolo all’esecuzione di indagini radiografiche, dato che le radiazioni eventualmente assorbite non hanno conseguenze né sul latte materno né sui meccanismi che ne regolano la produzione. 

Al fine di dirimere ogni dubbio, occorre fare le seguenti precisazioni. 

La legislazione italiana in materia di protezione sanitaria delle persone contro i pericoli delle radiazioni ionizzanti connesse a esposizioni mediche (D. Lgs. 187/00) non pone vincoli specifici all’allattamento in relazione ad una contestuale esecuzione di indagini diagnostiche.

Non vi è alcuna controindicazione ad allattare un bimbo in concomitanza con un esame radiologico e non esistono vincoli temporali all’esecuzione dello stesso; pertanto l’esame può essere eseguito quando necessario. Per una donna che allatta le uniche controindicazioni sono quelle legate alla utilizzazione durante un esame diagnostico di un radiofarmaco. 

Tenga presente che, nel caso in cui si eseguano esami di diagnostica radiologica (RX Torace, RX addome, RX arti, TC cranio ecc.), al paziente non vengono somministrate sostanze radioattive. Al termine dell’esame il paziente non risulta contaminato da radiazioni e, pertanto, non possono essere presenti rischi correlati con tale stato. Questi rischi possono presentarsi solo nel caso di esami di Medicina Nucleare, in occasione dei quali al paziente viene somministrato un tracciante radioattivo.

Nella speranza di esserLe stati d'aiuto La salutiamo cordialmente e La invitiamo a contattarci nuovamente per qualsiasi esigenza, approfondimento, chiarimento.

RispondiCitazione
Pubblicato : 19 Luglio 2019 09:20
Condividi: