Notifiche
Cancella tutti

18F-FDG-PET/TC e gravidanza

Anna543
(@anna543)
Membro

Gent.mi, 

vi contatto per chiedervi un parere, in quanto sono piuttosto preoccupata.

Lavoro in ospedale, sono gravida alla settimana 21+2 e questa mattina sono venuta accidentalmente in contatto con un paziente che aveva eseguito, circa 3 ore prima, una 18F-FDG-PET/TC total body. Il contatto è stato molto ravvicinato, mi trovavo a circa 10 cm dal paziente, ed è stato della durata di circa 5 minuti. Ritenete che sia stato un contatto rischioso e che possa avere conseguenze negative?

Vi ringrazio anticipatamente per la risposta

Cordiali saluti

Citazione
Topic starter Pubblicato : 3 Agosto 2022 15:09
fisicimedici
(@fisicimedici)
Membro Amministratore Forum

Gent.ma Sig.ra 

anzitutto ci sentiamo nelle condizioni di tranquillizzarla. 

viviamoIn base alle informazioni da Lei forniteci e sulla base di alcune valutazioni sperimentali condotte presso il centro cui presto servizio è possibile stimare con ragionevole approssimazione che la Sua permanenza in prossimità di un paziente che ha effettuato una PET da circa 3 ore l’ha esposta ad una dose che può essere equiparata ad un giorno “aggiuntivo” di esposizione al fondo naturale di radiazione (dell'ordine pertanto di alcuni micro Sievert). Tutti noi, in qualsiasi parte d’Italia (o più in generale del mondo), siamo sottoposti ad una esposizione continua (e in taluni casi intensa) alle radiazioni ionizzanti. E’ ragionevole pertanto ritenere quali solo altamente speculative le ipotesi di un aumento della probabilità naturale di sviluppare, in futuro, un tumore e più in generale dell’insorgenza di danni a carico della salute del/la Suo/a bambino/a. Il “contatto” da Lei descritto non può ritenersi rischioso o avere conseguenze negative sulla sua gravidanza e il rischio “additivo” che si stima possa derivare da questa esposizione può ritenersi assolutamente ricompreso nelle variazioni dell’incidenza naturale di anomalie che è dell'ordine 3-6%. 

Nel caso in cui questa risposta non dovesse tranquillizzarLa, per dubbi e perplessità La invitiamo a non fare ulteriori ricerche su web o, almeno a consultare pagine pubblicate da Associazioni di comprovata scientificità quali AIFM (www.aifm.it) o a contattare uno Specialista in Fisica Medica presso la Sua città. Anche in questo caso AIFM sarà lieta di indirizzarLa verso Specialisti in Fisica Medica in grado di confrontarsi direttamente con Lei. 

Nella speranza di essere stati di aiuto, La ringraziamo per averci contattato e La salutiamo cordialmente

RispondiCitazione
Pubblicato : 12 Agosto 2022 11:59
Condividi: