Notifiche
Cancella tutti

Classifica pericolosità dei cellulari

admin
(@admin)
Membro Admin

Buongiorno, negli ultimi tempi veniamo letteralmente bombardati da notizie sulla pericolosità dei cellulari per via delle radiazioni che emettono, che variano fortemente da un modello all'altro. La classifica di pericolosità on line viene continuamente richiamata e aggiornata alla luce delle nuove misurazioni.
Mi sembrava però che, pur cambiando molto fra uno e l'altro, tutti quanti fossero sotto il limite di pericolosità, che in Europa mi pare sia 2 watt per kilogrammo, mentre ho letto in questo articolo https://www.chedonna.it/2018/11/10/smartphone-danni-radiazioni-classifica/ che la soglia da superare perché un cellulare sia dannoso per la salute inducendo anche tumori sia fissata a 0,6 watt per kilogrammo.
Qual è il limite corretto? Fra gli effetti più probabili c'è davvero il cancro?
Vi ringrazio, cordiali saluti.

Citazione
Topic starter Pubblicato : 13 Novembre 2018 09:49
 Anonimo

Buongiorno,

sulla questione del SAR generato dai cellulari, proprio perchè le stesse informazioni continuano a circolare, siamo già intervenuti in questo sito (qui).

Nella stessa pagina può trovare anche alcuni riferimenti sulla questione del rischio cancerogeno dovuto alle emissioni dei cellulari.

In ogni caso, come spiegato nelle pagine citate, la classifica dei telefoni in base al SAR è fuorviante in quanto si riferisce ad una comparazione tra telefoni con prove da laboratorio

In sintesi, il SAR è una grandezza che serve a valutare il riscaldamento dei tessuti e non altri tipi di rischio; le emissioni dei cellulari sono considerate "possibili" cancerogeni nel senso che gli studi devono continuare ma non esistono evidenze così fondate da indurre un cambiamento delle norme di protezione vigenti (clicca qui per approfondire).

Recentemente sono apparsi anche due studi molto seri che hanno cercato di indurre tumori nei topi mediante onde elettromagnetiche emesse dai cellulari della precedente generazione. La commissione internazionale per la protezione dalle radiazioni non ionizzanti (ICNIRP) ha comunque concluso che non ci sono ragioni per ridurre i limiti sul SAR per diverse questioni metodologiche abbastanza complesse (clicca qui per approfondimenti).

Sempre in sintesi si può affermare che i due studi evidenziano effettivamente un incremento di tumori nei ratti maschi ma solo in condizioni di esposizione che sono prossime ai limiti di SAR e protratte per 24h al giorno dal concepimento alla morte naturale. In ogni caso il trasferimento all'uomo delle eventuali conclusioni tratte su modelli animali è problematico.

Infine, come spiegato nelle pagine citate, la classifica dei telefoni in base al SAR è fuorviante in quanto si riferisce ad una comparazione tra telefoni con prove da laboratorio eseguite in condizioni standard che devono essere predisposte dagli stessi costruttori, nulla ci dice sulle emissioni degli smartphone nelle condizioni ormai più diffuse che comportano bassissimi livelli di emissione, rispetto al valore massimo, ma protratti nel tempo.

 

#cellulari,#SAR,#rischioradiazioni,#cattivainformazione

RispondiCitazione
Pubblicato : 13 Novembre 2018 15:25
Condividi: