Si è appena concluso il simposio “Il futuro della Fisica Medica” di Pistoia, capitale italiana della cultura 2017, realizzato in occasione della Giornata Internazionale della Fisica Medica in  coincidenza con il 150° anniversario della nascita di Maria Sklodowska Curie.

Gli interventi, distribuiti su due giorni, hanno fatto il punto su molti aspetti alla frontiera della ricerca e sono stati preceduti da una toccante lezione magistrale del Rettore dell’Università di Firenze – prof. Luigi Dei – sulla figura di Maria Curie.

Da tutti i contributi è emersa con forza l’inscindibilità del ruolo scientifico da quello più strettamente professionale per la figura del Fisico Medico, oltre all’importanza di questo aspetto per lo sviluppo futuro della nostra disciplina.

Le splendide cornici del Palazzo dei Vescovi e della città di Pistoia hanno contribuito alla riuscita della celebrazione e al senso di ispirazione e innovazione che ha permeato i lavori.

1 COMMENTO

  1. Bene! Poco tempo fa scrivevo (https://www.fisicamedica.it/blog/ordine-dei-chimici-e-fisici) dell’importanza di non essere solo dei “super-tecnici”, ma anche persone che dedicano del tempo a coltivare la conoscenza sbirciando sulle citate frontiere della ricerca.

    Spero che sia stato citato anche il ruolo sociale del Fisico Medico, che sta gradualmente uscendo dal…backoffice della Sanità per farsi conoscere dai pazienti e anche dalla popolazione in generale, dicendo la propria su temi nei quali ha assoluta competenza. E’ il tema portato avanti da MedPhys3.0, progetto AAPM, e “localmente” da #ilfisicomedicorisponde